Damsel – Recensione

La storia di San Giorgio e il drago, da un punto di vista femminile

 

Damsel è un film fantasy diretto da Juan Carlos Fresnadillo. Si tratta di una produzione Netflix, uscita per il 2024, forte del carisma di Millie Bobby Brown.

 

La leggenda di San Giorgio e il drago

 

Damsel, Dragonslayer

Dragonslayer, noto da noi come Il drago del lago di fuoco, è stato il primo film a cercare di portare sul grande schermo la figura del drago

 

San Giorgio e il drago è una delle leggende più note riguardo le antiche storie che hanno per antagonista un drago. Sì, perché il drago è sempre stata una delle creature leggendarie più suggestive di sempre. Non è possibile realizzare un fantasy degno di nota senza la figura del drago. E moltissimi sono i film nati per sfruttare tale suggestione, a partire da Il drago del lago di fuoco: un film diretto da Matthew Robbins e prodotto dalla Paramount Pictures e dalla Walt Disney Productions. Fu il primo film che portò sul grande schermo un drago con la tecnica Go-motion. Ne seguiranno tanti altri, ma la maggior parte sfrutteranno il medesimo concept: la leggenda di Giorgio, il martire cristiano, noto uccisore di draghi. Anche capolavori della letteratura come Lo Hobbit partono dalla medesima idea di fondo.

 

Un film Girl Power?

 

Damsel, Elody

Elody è la protagonista, costretta a fronteggiare un potentissimo drago, ma la sua vera forza non risiede nelle sue capacità di sopravvivenza, ma in qualsocosa di molto diverso

 

La paura di provare a rientrepretare una storia da un punto di vista femminile è sempre la stessa: lincubo dellideologia girl power, uno dei mali che più affligge le sceneggiature dei film e dei telefilm degli ultimi anni. Invece la principessa Elody risulta una ragazza normale, che mantiene la sua femminilità e che solo nel bisogno è costretta a tirare fuori le unghie. Dunque, non è il solito Conan il barbaro in gonnella, afflitta da un ciclo costante che la rende perennemente arrabbiata. Anzi, Melody matiene il suo essere donna fino alla fine e si ritrova a combattere solo perché costretta dalle circostanze.

 

Proprio come nella leggenda di San Giorio e il drago, Elody è una principessa data in sposa al regno di Aurea. In realtà, si tratta solo di un pretesto per permettere al suddetto regno di offrire allultimo grande drago un sacrificio di tre fanciulle che ne tenga a freno la ferocia. Ma dietro a tutto questo c’è dell’altro…

 

Damsel: una storia dove c’è spazio per l’empatia

 

Dasmel, la regina

La regina Isabelle, vera antagonista di Damsel, è interpretata Robin Wright. Come non ricordare un altro stupendo film fantasy: Ladyhawke!

 

Sì, è questo che rende diversa Elody dal solito ammazzadraghi di turno. Elody farà quanto in suo potere per sopravvivere allimplacile ira del drago. Ma proprio sul più bello sarà la sua empatia a cambiare il corso della storia, portando Damsel a un finale ben diverso dagli altri film a base di draghi. Senza fare spoiler, il personaggio di Elody si discosta dalle solite eroine gilr power, offrendo ciò in cui davvero le donne sono spesso migliori rispetto al genere maschile: la capacità di vedere le cose da un punto di vista più complesso e meno pragmatico. Ovvero, cercare di capire l’altro. La vera antagonista è, non a caso, un’altra donna: la regina Isabelle del regno di Aurea, che invece aderisce perfettamente ai cliché dell’ideologia girl power.

 

Il drago, come da tradizione, rappresenta le paure inconscie che l’uomo nutre nei confronti dell’ignoto. Ma diversamente dalle leggende a base di ammazzadraghi, Elody scopre che oltre la paura spesso c’è ciò che non conosciamo del nostro prossimo.

 

Conclusione

 

Dasmel, Elody

Il film risulta godibile soprattutto per merito di Millie Bobby Brown, che veste i panni della principessa Elody. La trasformazione da principessa ad eroina avviene gradualmente, permettondici una maggiore immedesimazione

 

Damsel si rivela un gran bel film, visivamente spettacolare, con un’ottima messa in scena. La trama è semplice, ma funziona bene. La protagonista è ben caraterrizzata e sfrutta a pieno l’ottima interpretazione di Millie Bobby Brown. Un film fantasy godibile e non scontato. Non si tratta di un capolavoro, ma perfetto per chi ama i film fantasy a base di draghi. ★★★★

 

Lascia un commento

Privacy Policy Termini e Condizioni